IL MAGAZINE DI GIORGIA ROSSI AGENCY

11/05/2022 – La Luxury Skincare minimalista e pratica di Chiaro Zurigo ispirata  ai  segreti di bellezza delle Alpi Svizzere

www.chiaro-zurich.com

Io sono una donna che ha poco tempo, ma non rinuncio assolutamente alla mia beauty routine perché la nostra pelle ed il nostro corpo hanno bisogno di nutrimento e cura per poter essere puliti e luminosi.
Il desiderio è essere curati senza dover usare una serie di prodotti (dai diciamolo…molte di noi non sono così costanti) e sulla base di questa esigenza
Chiaro Zurigo ha sviluppato prodotti di Skincare per la cura della pelle vegani e cruelty free ispirati alla bellezza delle Alpi svizzere e da tutti i loro poteri curativi nascosti.

Sono prodotti di Skincare veloci da usare ed essenziali (Skinminimalist) e soprattutto multifunzionali per persone che vogliono ottimizzare il tempo senza rinunciare ai molteplici benefici attraverso formule altamente concentrate e innovative volte a soddisfare le esigenze di cura della pelle. L’obiettivo è quello di ottenere una carnagione naturale e dall’aspetto sano usando pochi, ma confortevoli prodotti eliminando tutte le trousse da toilette (io ne ho tantissime) adottando una routine semplice ed efficace.

Ogni prodotto è prodotto esclusivamente in Svizzera dove viene testato dai ricercatori secondo i più elevati standard di qualità. Le formule esclusive combinano i segreti più preziosi e meglio custoditi delle Alpi svizzere insieme ad alcuni dei principali progressi scientifici e chimici disponibili per la cura della pelle.
Sono prodotti che può usare chiunque, antistress e wellbalance.

ENGLISH

I am a woman who has little time, but I absolutely do not give up my beauty routine because there
our skin and our body need nourishment and care in order to be clean and bright. The desire is to be treated without having to use one product series (come on let’s face it… many of us don’t are so constant) and based on this need
Chiaro Zurich has developed Skincare products for vegan and cruelty free skin care inspired by beauty of the Swiss Alps and all their powers hidden healing.

They are quick to use skincare products and essential (Skinminimalist) and above all multifunctional for people who want optimize time without giving up on multiple benefits through highly concentrated formulas e innovative solutions aimed at satisfying the needs of care of the skin. The goal is to get one natural and healthy looking complexion using few, but comfortable products eliminating all toiletry bag (I have many) by adopting a simple and effective routine.
GET SKINIMALISED!

Less is more.

Each product is produced exclusively in Switzerland where it is tested by the second researchersthe highest quality standards. The formulas exclusives combine the most precious and best secrets treasured of the Swiss Alps together with some of the major scientific and chemical advances available for skin care.
They are products that anyone can use, antistress and wellbalance

Acqua micellare :
acqua micellare delicata ma efficace, grazie alla combinazione di vari ingredienti di alta qualità come estratto di rosa alpina, acqua di ghiacciaio ed estratto di alga delle nevi. Questa ricetta unica estrae quelle impurità ostinate rimaste che potrebbero essere rimaste dopo la detersione o la rimozione del trucco. È inoltre arricchito con estratto di fiordaliso che aiuta a prevenire la comparsa di ulteriori inestetismi.

ENGLISH

Delicate but effective micellar water, thanks to the combination of various high-quality ingredients such as alpine rose extract, glacier water ed snow algae extract. This unique recipe it extracts those stubborn impurities left over that may have remained after cleansing or makeup removal. It is also enriched with cornflower extract which helps prevent appearance of further blemishes

La crema idratante antietà 24 ore è leggera come una piuma e un vero salvatore multifunzionale. Contiene sia Niacinamide che Infraguard, il che significa che ti offre la massima protezione di cui hai bisogno contro le dannose radiazioni di luce blu. Inoltre, ha un odore sottile che non interferisce troppo se scegli di abbinarlo al tuo profumo preferito. Allo stesso modo, può essere indossato facilmente sotto il trucco.

ENGLISH

This 24 hour anti-aging moisturizer is lightweight like a feather and a true savior multifunctional. Contains both Niacinamide and Infraguard, which means it offers you the best protection you need against harmful blue light radiation. In addition, it has a subtle smell which does not interfere too much if you choose to combine it with the
your favorite perfume. Likewise, it can be worn easily under makeup.

I principi attivi del magnifico siero idratante penetrano in profondità nella pelle per aiutare a combattere i primi segni dell’invecchiamento. Preserva le cellule della pelle dallo stress ossidativo e riduce la comparsa delle rughe. Le alghe della neve stimolano il gene della longevità Klotho e attivano l’AMPK, un enzima responsabile della difesa cellulare e del sistema energetico essenziale. Inoltre migliora visibilmente la struttura della pelle, rallenta il processo di invecchiamento delle cellule della pelle e aumenta la produzione di collagene. Infine c’è anche l’estratto di rosa alpina aggiunto per aiutare a rafforzare la barriera cutanea.

ENGLISH

The active ingredients of the magnificent moisturizing serum they penetrate deep into the skin to help fight the first signs of aging.
Preserves skin cells from stress oxidative and reduces the appearance of wrinkles. The snow algae stimulate the longevity gene Klotho and activate AMPK, a responsible enzyme cell defense and energy system essential. It also visibly improves the structure of the skin, slows the aging process of skin cells and increases the production of
collagen. Finally, there is also the extract of alpine rose added to help strengthen the barrier cutaneous.

*************************************************************************************

03/05/2022 – IL SOGNO OLFATTIVO della Maison Gisada.

La storia di Gisada è iniziata a Zurigo nasce dalla passione per i profumi di due fratelli nel 2013. Il loro obiettivo era dar vita alle loro fragranze in un modo innovativo, collaborando con profumieri di fama mondiale con una “vision” dalle forme pulite. L’eleganza raffinata unita alla qualità svizzera sono il simbolo della Maison Gisada conosciuto in tutto il mondo. All’inizio sono nati Gisada Donna, la cui fragranza esprime la femminilità e la bellezza della donna e Gisada Uomo, dalle note calde e legnose del tabacco e dell’ambra

Uomo & Donna

Nel 2019 è stato lanciato Ambassador Men. Il Naso di questa fragranza è Andreas Wilhelm. Le note di testa sono Mela, Cardamomo, Mandarino Verde e Violetta; le note di cuore sono Mango, Lavanda, Pepe Nero, Patchouli e Peonia; le note di base sono Vaniglia, Vetiver, Ambra, Legno di Teak e Muschio Vegetale.
Come testimonial, la Maison ha scelto il modello Jeremy Meeks dai lineamenti bellissimi e molto particolari

Nel 2021 è nata Ambassadora per donna le cui note di testa sono Pepe Rosa, Mandarino, Mirtillo e Foglia di Violetta; le note di cuore sono Fiore d’Arancio, Gelsomino, Fresia e Legno di Cashmere; le note di base sono Vetiver, Muschio, Sandalo, Vaniglia e Zucchero. Fresco e caldo, dai toni avvolgenti come un “voile” di seta e cachemire esalta la donna lussuosamente glamour e dolce allo stesso tempo

La Maison ha creato una Luxury Line composta da 5 fragranze: Imperial, Iris, Oud, Rose e Royal.

La sensualità è un sentimento che è difficile da definire, o almeno io non lo so definire.

A mio parere è qualcosa di innato, qualcosa di genetico da non confondere con l’estetica. Una persona di bella presenza non sempre è sensuale. Una persona irresistibile è sensuale. Eppure sono convinta che indossare un profumo magnetico e memorabile risveglia una delle esperienze sensoriali più incredibili, sollecitando emozioni e ricordi indimenticabili.

Personalmente mi ha colpito il ROYAL della Linea Luxury, perché risveglia i sensi con note di cuoio, gelsomino, fresia, violetta e un accenno di oud.

L’ambra, la vaniglia e il muschio completano la nota di fondo creando una fragranza unica e di lunga durata, sensuale e accattivante. Puoi indossare gli abiti più semplici, ma con un profumo talmente avvolgente da non passare inosservati, In fondo tutti volgiamo sentirci una Queen o un King.

Volete sapere qual è la particolarità? Se scuoti la bottiglia…. non posso dirvi di tutto. In fondo un po’ di mistero non guasta mai.

Completano la Luxury Line, le magnifiche “candles” veri e propri oggetti di Interior Design

Potete vedere le varie linee sul sito www.gisada.com e ringrazio Mrs Estefany Kattan for the courtesy.

ENGLISH

The story of Gisada began in Zurich and was born from the passion for perfumes of two brothers in 2013. Their goal was to bring their fragrances to life in an innovative way, collaborating with world-famous perfumers with a “vision” with clean shapes. Refined elegance combined with Swiss quality are the symbol of the Maison Gisada known throughout the world. At the beginning, Gisada Donna was born, whose fragrance expresses the femininity and beauty of women and Gisada Uomo, with the warm and woody notes of tobacco and amber.

Ambassador Men was launched in 2019. The nose behind this fragrance is Andreas Wilhelm. Top notes are apple, cardamom, green mandarin and violet; middle notes are mango, lavender, black pepper, patchouli and peony; the base notes are Vanilla, Vetiver, Amber, Teak Wood and Vegetable Musk.

As testimonial, the Maison has chosen the Jeremy Meeks model with beautiful and very particular features

In 2021 Ambassadora was born for women whose top notes are Pink Pepper, Mandarin, Blueberry and Violet Leaf; middle notes are orange blossom, jasmine, freesia and cashmere wood; the base notes are Vetiver, Musk, Sandalwood, Vanilla and Sugar. Fresh and warm, with enveloping tones like a “voile” of silk and cashmere, it enhances the woman who is luxuriously glamorous and sweet at the same time

The Maison has created a Luxury Line consisting of 5 fragrances: Imperial, Iris, Oud, Rose and Royal.

Sensuality is a feeling that is difficult to define, or at least I cannot define it.

In my opinion it is something innate, something genetic not to be confused with aesthetics. A person of good looks is not always sensual. An irresistible person is sensual. Yet I am convinced that wearing a magnetic and memorable perfume awakens one of the most incredible sensory experiences, stimulating unforgettable emotions and memories.

Personally I was struck by the ROYAL of the Luxury Line, because it awakens the senses with notes of leather, jasmine, freesia, violet and a hint of oud.

Amber, vanilla and musk complete the base note creating a unique and long-lasting fragrance, sensual and captivating. You can wear the simplest clothes, but with a perfume so enveloping that it does not go unnoticed.After all, we all want to feel like a Queen or a King.

Do you want to know what is the peculiarity? If you shake the bottle…. I can’t tell you everything. After all, a little mystery never hurts.

The Luxury Line is completed by the magnificent “candles”, real interior design objects

You can see the various lines on the website www.gisada.com and I thank Mrs Estefany Kattan for the courtesy.

******************************************************************************************************************************

16/04/2022 – Giorgia Rossi Agency e FILLAST a Cosmodonna 2022

oggi vi parlerò di Fillast un’azienda di cosmesi straordinaria che ho da poco scoperto alla fiera dedicata alla donna @cosmodonnaexpo. Tutto nasce nel 1730 in una farmacia della magnifica cittadina di Salò e, dopo varie generazioni, nel 1992 il dottor Gianfranco de Paoli Ambrosi ne prenderà le redini con grande passione e determinazione per trovare soluzioni sicure ed efficaci contro le patologie cutanee. FILLAST Technological Luxury Cosmetics è la punta di diamante dell’illuminata ricerca del dottor de Paoli. Fillast è in grado di fermare il tempo grazie alla sua innovativa tecnologia che porta alla supplementazione, alla stimolazione della biosintesi e all’inibizione della degradazione
dell’acido ialuronico nella cute. L’acido ialuronico infatti mantiene la pelle giovane e idratata a tutte le età e contrasta con enormi risultati rughe e linee d’espressione. Quello del dottor de Paoli è un prodotto di lusso accessibile in cui “il desiderio di bellezza si fonde alle innumerevoli possibilità della scienza portando alla creazione di un’opera
d’arte chiamata Fillast in grado di regalare il bene più prezioso: il tempo”. Oggi vi presentiamo due sieri unici, innovativi ed efficaci contro i segni del tempo: il Siero Fillast Advanced per un’azione rivitalizzante della pelle e il Siero Fillast Absolute per un’energica azione ristrutturante dei tessuti cutanei.
Le magnifiche creme: Deep Recovery Stimulator, una crema viso e collo ringiovanimento 24 ore e High Power Defence Shield, una crema protettiva e idratante e uno scudo per la tua pelle. Le favolose creme: Double Action Extra Definition E&L, una crema per contrastare le piccole rughe del contorno occhi e labbra e Puffy Eyes and Circles Reducer Cream, una crema specifica per ridurre borse, occhiaie e segni di stanchezza.
Fillast Breast & Décolletage Boost è una formula rivitalizzante per il seno e il décolleté ad azione tonificante e rimodellante. Infine,Flash Revitalizer è il tocco sorprendente per un effetto ultra-lifting immediato, che dura
fino a 8 ore.

02/04/2022 – Giorgia Rossi Agency ai prossimi eventi Teamwork Hospitality: HOTEL COST SAVING

25/03/2022 – Giorgia Rossi Agency ai prossimi eventi Teamwork Hospitality: HOTEL REVENUE FORUM

12/03/2022 – Giorgia Rossi Agency ai prossimi eventi Teamwork Hospitality: Hospitality Riva

Visita il sito di Hospitality Riva

05/03/2022 – Giorgia Rossi Agency ai prossimi eventi Teamwork Hospitality: Housekeeping Green

Un workshop GRATUITO che approfondisce i temi legati ai processi di pulizia e igienizzazione in hotel con particolare attenzione alla sostenibilità.

15/02/2022 – Giorgia Rossi Agency ai prossimi eventi Teamwork a Rimini il 31 marzo 2022

10/02/2022 – Re-love, il progetto di upcycling firmato ATELIER EME’ in collaborazione con mending for good fa tappa a Verona

Abiti da sposa e da cerimonia: per occasioni speciali | Atelier Emé

Dopo il successo dell’evento di presentazione nella suggestiva cornice vista Duomo del Museo del
Novecento di Milano, il progetto di upcycling Re-Love firmato Atelier Emé fa tappa a Verona.
A partire dal 20 febbraio l’atelier del marchio di Piazza Francesco Viviani 8 ospiterà la capsule collection
composta da sedici abiti da sposa – 10 sviluppati in collaborazione mending for good, 6 creati
internamenti dall’ufficio stile dell’azienda-, sedici capi icona del marchio selezionati tra i più significativi
nella storia de la maison, creazioni d’archivio rielaborate con amore; un re work che è frutto
creativo di un progetto di trasformazione avvenuto seguendo principi di circolarità. Fusione armonica
e fatata di passato e presente, un’impresa che rende chiare e possibili strategie d’innovazione
seguendo percorsi di sostenibilità.
Per accogliere questo progetto virtuoso, la boutique Atelier Emé di Verona ha previsto per il 20
febbraio dalle 15.30 alle 19.30 una giornata evento durante la quale saranno presenti esperti del
settore wedding che metteranno a disposizione degli ospiti, future spose e non solo, la propria expertiese.
Marvi Fiori Floral designer preparerà dei bouquet in abbinamento agli abiti esposti ed omaggerà
alle bride to be un bulbo di tulipano o giacinto.
Particolarmente sensibile a tematiche ambientali e legate alla sostenibilità, Elisa Tedesco di Bee in
love graphic design farà una dimostrazione a team green utilizzando la carta riciclata ed altri materiali
di riuso.
Fotografa dall’appeal eco, Valentina Fraccaroli presenterà agli sposi album green confezionati con
carta riciclata.
Al piano superiore dell’atelier, Bonafini Events allestirà una mise en place a tema matrimonio green
ricollegandosi al tema sostenibilità, filo conduttore dell’evento.
La Pasticceria Flavio Martini creerà inoltre una torta a tema Re-Love e offrirà assaggi di petite patisserie.
Atelier Emé ha deciso di collaborare con mending for good sviluppando una serie di proposte incentrate
su tecniche d’alto artigianato, creative, romantiche e divertenti partendo dagli abiti d’archivio.
Un lavoro svolto dall’ufficio stile nei laboratori sartoriali de la Maison Atelier Emé decostruendo e
ricostruendo ad arte i capi scelti, mentre mending for good di contro si è occupata di fornire soluzioni
di repurposing attraverso la pittura su tessuto eseguita da Karl Joerns di La Serra MK textile
Atelier a Firenze, i ricami a mano eseguiti da Donatella de Bonis e le decorazioni a mano. Un upcycling
fiabesco, raggiunto attraverso un lavoro sinergico che ha unito competenze altamente specializzate
e savoir-faire artigianale, per dieci creazioni da sogno, romantiche, ricche di disegni variopinti,
bouquet acquerellati, applicazioni tridimensionali e ricami ton-sur-ton.
La collezione Re-love – e la collaborazione tra Atelier Emé e mending for good – sono il risultato di
una creatività circolare applicata al settore wedding. Sartorialità e maestria artigiana assumono così
una nuova estetica che si alimenta di un passato significativo e del saper fare della maison Atelier
Emé.

14/12/2021 – “MODA SOSTENIBILE: OPPORTUNITA’ PER IL MADE IN ITALY E NUOVI STANDARD MONDIALI” di Giorgia Rossi

Quando ho iniziato a trattare la CSR ( Corporate Social Responsibility) nel 2012, in Italia ( ed in gran parte del mondo) eravamo davvero pochi seduti ad un tavolo di lavoro cercando alacremente le soluzioni più incisive per fare proselitismo sulla materia ben consapevoli che su base 100 pochi ci avrebbero dato ascolto.

Ma cosa è la sostenibilità?

La sostenibilità venne definita per la prima volta nel 1987 nel cosiddetto Rapporto Brundtland – dal titolo “Our common future”-  ed è un documento pubblicato dalla Commissione mondiale sull’ambiente e lo sviluppo in cui, per la prima volta, venne introdotto il concetto di sviluppo sostenibile ossia come la condizione di uno sviluppo in grado di “assicurare il soddisfacimento dei bisogni della generazione presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di realizzare i propri”.

Parole come Stakeholder (letteralmente prenditore di interessi), matrice di materialità ( analisi che incrocia, in termini di rendicontazione di sostenibilità, gli aspetti considerati materiali ossia quelli che  hanno un impatto sulle performance economiche, sociali e ambientali della azienda con quelli ritenuti rilevanti nei processi di decisione degli stakeholder), supply chain ( catena di fornitura e distribuzione), inclusività,  riduzione di emissioni di carbonio, scope 1, 2,e 3 erano termini sconosciuti, eppure oggi parlare di sostenibilità è di “moda” quasi a pensare che se non ne parli sei out.

Se sono contenta che dopo tanto lavoro di diffusione della cultura “sostenibile” oggi se ne parli tanto? Si sono contenta ed anche soddisfatta anche se la sostenibilità spesso viene accomunata al green, ma quest’ultimo aspetto è solo una parte in quanto non si tratta solo di salvaguardare l’ambiente, ma ha un significato più globale che tiene conto, anche degli aspetti economico e sociale, aspetti che devono essere indivisibili e combinati gli uni con gli altri in modo da creare la sinergia orientata alla crescita del progresso e del benessere globale.

Nello specifico, quasi a voler pensare ad un gioco di parole, la Sostenibilità è di Moda, ma cosa significa Moda Sostenibile?

Il consumatore è più cosciente ed informato e non si accontenta solo del capo da indossare, ma vuole sapere come questo capo viene prodotto, se sono stati salvaguardati gli Human Rights dei lavoratori e se la creazione del capo non ha contribuito a deteriorare l’ambiente.

La moda sostenibile è quella moda che rispetta l’ambiente e la società contribuendo alla crescita economica della società che paga i salari dei dipendenti con grande attenzione al loro benessere in un’ottica di work life balance, di pari opportunità non solo gender, ma anche age e formazione aziendale necessaria per aumentare la crescita professionale del team.

La moda sostenibile deve operare secondo i criteri ESG (Environmental, Social, and Corporate Governance )in tutte le fasi dalla creazione, dalla scelta dei materiali, alla produzione fino alla distribuzione e retail.

I materiali sono meno inquinanti, vi è un’attenzione alla riduzione degli sprechi come l’acqua e l’elettricità, il maggior uso di energie rinnovabili, lo smaltimento rifiuti è condotto usando un’operatività che non inquini l’ambiente favorendone il riciclo e soprattutto incoraggiando il consumo consapevole da parte del cliente finale.

Negli ultimi anni lo studio e la messa a punta di nuovi processi produttivi più efficienti e neotecnologie nonché di tessuti innovativi creati addirittura dalle fibre del latte, hanno contribuito a costruire le fondamenta di questo sistema che ad un certo punto si è dovuto fermare a causa della pandemia da Covid 19, alla quale nessuno era preparato.

Le aziende che hanno investito e investono sulla moda sostenibile a minor impatto ambientale stanno fronteggiando una crisi economica non preventivata e per certi versi “subdola” perché è stata messa in discussione la salute mondiale; laddove in alcune zone del mondo, dove la produzione di capi di abbigliamento ed il reperimento di materie sostenibili non sono regolati da norme specifiche sulla tutela dell’ambiente, la salute di molti essere umani è già stata danneggiata 

L’obiettivo 8 dell’Agenda 2030 sostenibile è “incentivare una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva ed un lavoro dignitoso per tutti”; eppure la produzione di capi d’abbigliamento, venduti poi a costi bassissimi, avviene in paesi in cui non vengono garantiti salari minimi, condizioni di lavoro accettabili, con ricorso a sfruttamento e abusi e in molti casi anche di minorenni.

Inoltre, la moda sostenibile ha riportato in auge la tradizione artigiana, dell’homemade, della manodopera locale, risorse che negli ultimi anni sono state ahimè accantonate e sostituite da manodopera sottocosto che realizza capi standardizzati e di pessima qualità.

L’Italia è una terra foriera di botteghe e laboratori artigianali, nei quali si tramandano le conoscenze da generazione a generazione, i quali portano il marchio del Made in Italy in tutto il mondo laddove si possono acquistare capi unici ed esclusivi spesso ad un costo “sostenibile”.

Per ultimo va ricordato che recentemente la Camera Nazionale della Moda Italiana è stata la prima associazione a stipulare una partnership con le Nazioni Unite per i Sustainable Fashion Awards , gli Oscar della moda sostenibile che verranno consegnati l’anno prossimo alle aziende il cui impegno farà la differenza nella creazione del valore condiviso sviluppando il mercato di riferimento e contemporaneamente migliorando le condizioni economiche e sociali della comunità nella quale opera e salvaguardando il nostro pianeta daltronde come diceva Hemingway “ Il mondo è un bel posto e per esso vale la pena di lottare”

05/11/2021 – EVENTO “HOTEL COST SAVING 2021”

Teamwork propone un workshop gratuito rivolto a Manager, direttori, responsabili di reparto, imprenditori e professionisti per comprendere come ottimizzare i costi dei singoli reparti dell’albergo.

Giorgia Rossi Agency è Media Partner dell’evento

29/10/2021 – EVENTO “HICON 2021 – HOSPITALITY INNOVATION CONFERENCE”

In Giorgia Rossi Agency orgogliosi di essere media partner del più importante evento in Italia dedicato all’innovazione nel Turismo, nell’ospitalità e nella Technology.

************************************************************************************************************************

21/10/2021 – AUTO E MOTO D’EPOCA EDIZIONE 2021 – FIERA DI PADOVA

RIFLETTORI PUNTATI SULLA FIERA DI PADOVA PER AUTO E MOTO D’EPOCA 2021, PRIMA ED UNICA FIERA INTERNAZIONALE DEL SETTORE.

È L’ANNO DEDICATO ALLA PASSIONE PER IL MOTORSPORT CLASSICO, I GRANDI DESIGNER DELL’AUTO ITALIANA, LE NUOVE TENDENZE DEL RESTOMOD E DELLA RICONVERSIONE ELETTRICA.

4 giorni, 115.000 mq, 11 padiglioni, 1600 espositori, più di 5000 macchine, 4 mostre, le Case costruttrici, tanti i collezionisti e appassionati in arrivo da tutta Europa. Sono questi i numeri dell’edizione 2021 di Auto e Moto d’Epoca che inaugura giovedì 21 ottobre la quattro giorni dedicata alla passione per l’auto classica.

Sono tante le novità e le tematiche diffuse tra i padiglioni e le aree all’aperto della fiera, a partire dalla passione per il MOTORSPORT, con 4 mostre inedite e centinaia di modelli unici esposti da dealer e collezioni private. Si parte con L’ITALIA CHE VINCE LE CORSE, la mostra dedicata ai marchi italiani che hanno segnato la storia delle competizioni, sia nel mondo dell’auto che nel mondo delle moto. Realizzata in partnership con MAUTO | Museo Nazionale dell’Automobile e la Collezione Veloce Classic di Londra, l’esposizione farà conoscere al pubblico i più grandi marchi italiani di sempre con i modelli iridati che hanno tagliato il traguardo delle competizioni più importanti. Tra le auto esposte, la leggerissima (620 kg) Lancia-Ferrari D50 del 1955 che conquistò il mondiale 1956 con Juan Manuel Fangio al volante e la Maserati mod. 26B del 1928, seconda vettura da corsa realizzata dai fratelli Maserati nelle officine di Bologna. Vinse nel 1928 il Campionato Italiano Marche, grazie alle affermazioni di piloti come Ernesto Maserati, Baconin Borzacchini, Ajmo Maggi. Per le moto, la Gilera 500 4 cilindri GP del 1956 che di mondiali ne vinse ben sei tra il 1950 e il 1957.

Semplice, immediato, proiettato nel futuro: ecco lo stile della Collezione Bertone. 16 straordinari prototipi nel grande ASI Village dell’Automotoclub Storico Italiano (Pad.4). UNIVERSO BERTONE è, infatti,il titolo della mostra composta dalle auto che illustrano cinquant’anni di stile firmato dal celebre carrozziere torinese; dal 1967 alla seconda decade degli anni Duemila. Ad eccezione dell’iconica Lamborghini Miura S del 1967, prodotta in serie, sono tutti modelli unici e concept-car che hanno stupito il mondo quando sono stati svelati nei più importanti saloni internazionali dell’automobile. Tra questi la Citroën Camargue del 1972, la Ferrari Rainbow del 1976, la Chevrolet Ramarro del 1984, la Bertone Bliz del 1992, l’Aston Martin Jet2 del 2004 e la Jaguar B99 del 2011.

ACI STORICO al Pad. 3 celebra l’epoca d’oro del Superturismo con i grandi piloti e le auto degli anni ‘80 e ‘90 come l’Alfa GTA del ’92 di Alessandro Nannini e la BMW M3 2500 1992 di Roberto Ravaglia. Sempre nello Stand ACI la mostra Lancia Endurance: l’avventura in pista di Lancia Martini. Protagoniste dell’allestimento le tre Lancia da pista della Fondazione Macaluso: la Beta Montecarlo, la LC1 e la LC2, vere e proprie icone del motorsport degli anni Ottanta vestite nella classica livrea Martini Racing. E ancora l’esposizione di 10 moto Guzzi, una per ogni decennio dell’iconico marchio made in Italy, per raccontare la storia della casa che ha incarnato l’ideale di progresso scientifico, industria e innovazione in Italia. Tra le moto esposte, la Sport 500 prodotta tra il 1924 e il 1928, la Motoleggera 65 Guzzino (1946-1954), la popolare Galletto 160/175/192 (1950-1966), la grintosa V7 Sport 750 (1971-1974) fino alla MGX-21 1400 (2016-2019).

Grandi sorprese per il Motorsport sul versante del MERCATO delle auto d’epoca che si conferma il più grande d’Europa.  Tra le novità annunciate: Gipimotor e la Carrozzeria Scartapatti portano 3 favolose Ferrari: la 250 GT Drogo, la 308 GTB Gr.4 elaborata Facetti e la 250 GT Pininfarina certificata Ferrari Classiche. Una delle leggendarie Stratos e la rarissima FIAT OttoVù del 1953, la seconda mai costruita dopo le 6 pre-serie, arrivano nel più grande stand di sempre allestito a Padova da Ruote da Sogno. Dall’Olanda con Fine Automobiles arrivano, invece, la Bugatti T37 del 1926, vettura che all’epoca corse a Le Mans, l’Alfa Romeo TZ del 1964, e la Bugatti T57C Gangloff special convertible. AutoLuce espone l’Alfa Romeo 155 V6 Ti concepita per partecipare al campionato tedesco DTM nella classe fino a 2.5 litri, con massimo 6 cilindri, del regolamento D1. Nel team Alfa Romeo erano confluite la squadra Lancia rally, che si era ritirata nel 1992 con la vittoria del Mondiale costruttori, e la squadra Alfa Romeo che l’anno precedente aveva conquistato il Superturismo italiano con la 155 GTA.

Ma il Motorsport non è l’unica novità per l’edizione 2021 di Auto e Moto d’Epoca. Un altro focus di sicuro interesse è dedicato alle “altre” classiche: parliamo di Restomod e propulsioni alternative. Restomod, una delle ultime tendenze in fatto di restauri “creativi”, contaminati dalle tecnologie moderne ma mantenendo la continuità con il passato del veicolo storico. Il fascino delle auto classiche quindi, rendendole attuali e, perché no, più divertenti. Un filone in rapida ascesa nel mondo dei motori e che oggi si riconosce in una corrente di pensiero consolidata, grazie anche all’interesse di qualche casa automobilistica. Un esempio? Le Citroën portate dal 2CV Méhari Club Cassis che restaura e riconverte in elettrico le auto classiche, come i due esemplari che porta a Padova, ma fornisce anche il kit di riconversione elettrica R-FIT che permette di sostituire il motore originale a combustione con un motore elettrico, prolungando la vita delle auto d’epoca ed eliminando così le emissioni di CO2. Da citare anche il made-in-Italy con la Effeffe dei Fratelli Frigerio: un tributo alla passione sportiva degli anni 50 e 60 interamente realizzata a mano. Un moto di nostalgia che guarda al futuro anche per Miky Biasion e la sua Delta Integrale. Come sarebbe la sua vettura se venisse prodotta oggi? Miki Biasion, l’uomo che ha vinto ben due dei sei mondiali rally consecutivi firmati Lancia Delta (un record imbattuto) ha deciso di scoprirlo costruendone una.

Ma per chi ama l’elettrico il salone offre un vero e proprio ritorno al futuro con Stellantis e Mercedes Benz che presentano le radici del loro percorso di elettrificazione e gli ultimi modelli. Nello specifico, Stellantis racconta 50 anni di ricerche confluiti nella Nuova 500 RED, partendo dall’innovativa concept car Fiat X1/23 del 1974. Sviluppata ben cinque decadi fa, è uno dei primi esempi al mondo di citycar a motore elettrico: piccola monovolume a due posti, con una velocità massima di 75km/h ed un’autonomia di 70 km ad una velocità costante di 50 km/h.

Mercedes-Benz espone, invece, la pioniera 190 E Elektro, un modello sperimentale con un motore elettrico per ognuna delle due ruote posteriori, presentato ad Hannover negli anni ‘90. All’altro capo dell’evoluzione si trova l’ammiraglia EQS: la vetta dell’elettrificazione del marchio Mercedes-EQ.

Anche per McLaren è tempo di presentare, a Padova, la prima supercar ibrida della Casa: Artura segna l’inizio di un nuovo capitolo.

Novità anche nel mondo dei ricambi. Con più di 600 specialisti in pezzi di ricambio, aziende specializzate nella cura dell’auto e artigiani del restauro Padova si conferma il più grande mercato europeo. Quest’anno, inoltre, anche il Dipartimento Heritage di Stellantis mette in mostra modelli restaurati e pezzi di ricambio tornati in produzione.

Sulla linea di continuità tra passato e futuro si cala anche la prima di Morgan Motor Company ad Auto e Moto d’Epoca, lo storico marchio inglese che realizza artigianalmente vetture sportive dallo stile inconfondibilmente rétro. Radici nel passato e la sostenibilità come orizzonte anche per i nuovi modelli R 18 di BMW Motorrad. Senza tempo, invece, il fascino della sempreverde Mercedes 190 SL. In mostra a Padova l’esclusivo esemplare posseduto da Gina Lollobrigida. E ancora velocità e tecnologia sostenibile per lo stand Bentley, con la Continental GT Speed – il modello più dinamico della gamma – e la nuova Bentayga Hybrid.

Tantissimi, infine, i club e registri storici presenti al salone con i loro gioielli, come per esempio l’Alfa Romeo 6C 2300 L Mille Miglia, la prima Superleggera di sempre, e la secolare Lancia Lambda, la prima auto moderna della storia. È il centenario dell’auto di Vincenzo Lancia che segnò la rivoluzione dell’industria automobilistica; esposti tre modelli: una berlina, una balloon e una torpedo.

Ecco un’anteprima delle novità che attendono pubblico ed espositori a Padova. “Per quasi 40 anni il salone ha costruito un legame di fiducia con pubblico ed espositori. Tutti sanno che vale sempre la pena visitare Auto e Moto d’Epoca. Un risultato possibile grazie a tre pilastri fondamentali: la qualità, la passione, l’innovazione” racconta Mario Carlo Baccaglini, organizzatore del Salone.“Auto e Moto d’Epoca è sempre bella, è sempre il più grande mercato in Europa di auto e ricambi storici ed è sempre il posto migliore dove trovare la classica dei propri sogni. Una cosa non è mai: non è mai uguale a quella degli anni prima. In ogni edizione sviluppiamo nuove mostre tematiche e nuovi filoni di approfondimento, investendo e lavorando con i nostri partner per mostrare una sfaccettatura inedita della passione Heritage. Il patrimonio Classic ha sempre qualcosa da dire e Padova è il luogo giusto dove scoprirlo. Il rombo dello scarico, l’emozione della guida, il vibrare del motore, il profumo degli interni, le forme della carrozzeria: ecco cosa rende ogni singola auto d’epoca unica. Ecco gli ingredienti della passione da scoprire ogni anno e, ogni anno, in una chiave diversa, inedita. Con questa edizione battiamo tutti i nostri record offrendo ai visitatori quattro mostre e un intero focus dedicato al motorsport d’epoca. Le chiavi del 2021 sono il divertimento e l’emozione perché il salone e il mondo del Classic guardano risolutamente avanti e con grande entusiasmo”.

Benvenuti ad Auto e Moto d’Epoca 2021 dunque.

Vi aspettiamo al primo grande salone europeo della stagione 2021/2022.

12/10/2021 – IT.H.I.C. ITALIAN HOSPITALITY INVESTMENT CONFERENCE

Real Estate Market & Finance nell’industria alberghiera

Oggi Giorgia Rossi Agency è presente a IT.H.I.C.,la prima conferenza internazionale dedicata esclusivamente agli investimenti nel settore dell’ospitalità in Italia.

Un evento unico di approfondimento e networking, dedicato all’industria alberghiera, a quella immobiliare ed alla finanza specializzata, rivolto a fondi di investimento specializzati, istituti bancari, developer nel settore immobiliare, società di consulenza, studi legali e di progettazione nel settore hospitality ed ai gestori alberghieri, indipendenti e di catena.

12/10/2021 – #HOSPITALITY DAY 2021 – Finalmente il grande evento: un’intera giornata dedicata al mondo dell’ospitalità organizzata da Teamwork

Oggi siamo presenti come Media Partner ad Hospitality Day 2021. In un solo giorno tantissime opportunità per approfondire i temi dell’ospitalità, del real estate, di un’ospitalità sostenibile.

Hospitality Day, nonostante tutto, vuole rappresentare una grande speranza per tutto il settore. “Già centinaia di albergatori e aziende che operano nel mondo dell’ospitalità ci hanno chiamato per esprimere la propria soddisfazione e l’intenzione di partecipare – dichiara Mauro Santinato, Presidente di Teamwork e ideatore dell’evento – e questo la dice lunga sulla voglia che gli operatori hanno di ripartire dalla qualità. Oltre alla formazione, quest’anno assumeranno particolare valore l’incontro e il confronto di cui c’è tanto bisogno nel nostro settore. Ho sempre amato descrivere Hospitality Day come la festa dell’ospitalità”.

Dai general manager di famosi hotel nel mondo, ai trend & travel setter, dai grandi gruppi alberghieri ai migliori architetti di design hotel, per incontrarsi, confrontarsi, aggiornarsi e tracciare il futuro dell’hotellerie.

Seminari e panel, la possibilità di incontrarele più importanti aziende di servizi e prodotti del settore:l’ottava edizione di Hospitality Day organizzata da Teamwork, società di consulenza e formazione alberghiera di Rimini,propone un programma ricco e vario, che si sviluppa in 15 sale,in cui si alternano speaker d’eccezione pronti ad offrire soluzioni e consigli per crescere e lavorare meglio ed esperti per presentare le ultime novità del settore hospitality.

Oltre ai seminari nelle sale, cinque arene tematiche, dedicate ad altrettanti argomenti: 

Breakfast, Housekeeping, Sala e servizio, Green e Design.

Cinque aree in cui ci sono interventi, talk, interviste e dibattiti e dove si confrontano esperti, testimonial e consulenti.

Tra i relatori:

DANIEL LEVINE

Trends Analyst, Online & Live Trends Presenter, Director, the Avant-Guide Institute

ALEXANDER SCHNEIDER

President, Nikki Beach Hotels & Resorts

MARTIN SAPORI

Deputy Vice President Global Sales, Accor

DANILO GUERRINI

Presidente Delegazione Italia, Relais & Châteaux e Maître de Maison, Hotel Borgo San Felice, Castelnuovo Berardenga (SI)

TED TENG

Global President, Cornell Hotel Society

GIOVANNI MANFREDINI

Senior Faculty & Specialization Head, Glion Institute of Higher Education

ALEXANDRE GAMBERONI

Senior Lecturer, Les Roches Crans-Montana

DIEGO DI GAETANO

General Manager, The Hoxton Rome

MARCO GILARDI

Director of Operations, NH Hotel Group

HOSPITALITY DAY 2020 – Palacongressi di Rimini, 13.10.2020 (Ph © Giorgio Salvatori)

06/10/2021 – #HOSPITALITY DAY 2021 – in anteprima il calendario completo dell’evento

Nel nostro Blog pubblichiamo in anteprima il calendario completo degli eventi che si terranno all’Hospitality Day 2021 al Palacongressi di Rimini: clicca qui!

30/09/2021 – #HOSPITALITY DAY 2021

Siamo lieti di essere Media Partners di @hospitalitydayrimini @teamwork_rimini l’evento più atteso e unico sul mondo dell’ospitalità il 12 Ottobre al Palacongressi di Rimini. Il turismo rappresenta il 13% del PIL italiano e contribuisce al PIL mondiale per circa il 10%; tuttavia è stato uno dei settori più colpiti dalla crisi Covid. Testimonianze, relatori di fama internazionale, seminari e tanto altro ancora a sostegno di questo prezioso saranno pubblicate sui nostri canali Social oltre che sul nostro sito e blog.

30/08/2021 – #BRAND STRATEGY

Brand positioning, cos'è e come funziona: definizione, esempi e formula  statement

Cosa determina il successo di una Brand Strategy?

Una brand strategy di successo, ovvero efficace ed efficiente, è formata da numerose azioni, tutte rivolte al raggiungimento di un unico obiettivo.

  1. L’analisi accurata dello scenario e delle risorse economiche/organizzative della tua azienda
  2. La determinazione della strategia da perseguire
  3. La definizione di una serie di singole azioni, tutte rivolte a perseguire la strategia di medio periodo.

Solo una visione unica del prodotto e di come lo stesso possa essere rappresentato e comunicato nella sua parte tangibile – legata ai bisogni del cliente – e nella sua parte intangibile – fatta dei valori dell’azienda e di quelli attribuiti alla categoria di prodotti – permette di aspirare ad una presenza forte sul mercato e di realizzare il massimo grado di allineamento del brand al core business dell’azienda.

19/08/2021#FASHION

Gabrielle Bonheur Chanel è nata il 19 Agosto 1883, orfana e, ma energica e risoluta.

Tutti la conosciamo, ma quello che mi ha sempre colpito di questa “piccola grande donna”, era la sua personalità volitiva dotata di grande coraggio e desiderio di affermazione.

Capacità e persistenza e forse anche un po’ di fortuna nel conoscere le persone che le sono state vicine supportando le sue iniziative, l’hanno consacrata una icona incredibile e forse anche “irraggiungibile”.

Le due CC incrociate nella loro semplicità sono il logo più conosciuto al mondo simbolo di quella eleganza comoda e lussuosa amata dalle signore e signorine di tutto l’Universo.

Esternamente delicata come la camelia, ma con un carattere deciso e schietto asseriva che “ la felicità non è altro che il profumo del nostro animo”.

Indimenticabile Coco…..

11/08/2021#FASHION

Ho sempre amato le scarpe con i tacchi alti, altissimi👠. Quando vedo quelle donne stupende camminare su tacco 15 fluttuando e ondeggiando con disinvoltura e sicurezza, io provo un’invidia totale! ebbene si lo ammetto! Perché, malgrado il mio amore e le mie Louboutin ( nel caso non lo abbiate compreso… nella prima foto📸 sono io rigorosamente seduta, ma anche Reese Witherspoon è seduta😝) resisto non più di mezz’ora e dopo cerco le mie ballerine come l’acqua nel deserto. Ma amo le heels anche se fanno male alla schiena e bla bla bla ( e poi gli uomini le trovano sensuali😉). Nude, nere, fucsia con il fiocchetto del mio amico Alberto @lineanostra, bianche mi fanno impazzire. Le compro e le tengo nell’armadio perché almeno un paio di heels bisogna rigorosamente averlo, anche se lo indossate raramente. Sono consigliati i mezzi tacchi per la schiena, ma diciamolo amiche mie, i tacchi alti ci fanno sembrare alte, immense, femmine alla conquista di ciò che meritiamo.GR

07/06/2021 – #CULTURE

“Ribellarsi. La sfida di un’ecologia umana” di Don Giulio Bellavite, non è un libro, ma è un percorso di riflessioni sull’essere umano e soprattutto su noi stessi. Ogni parola, ogni frase sono stati l’incipit per traslare su di me delle domande, domande su quello che abbiamo o che abbiamo perso o che vorremmo avere.

Ci siamo creati una zona confort, senza pensare che forse non è la dimensione giusta per noi? Siamo talmente fagocitati dallo smartphone e dai social media che non apprezziamo più la prima cicala che canta l’arrivo dell’estate? Viviamo il “brutto” vestito da bello perché è ciò che in questo momento ci sembra il meglio per noi?

Ri-bellarsi è un monito per “tornare al bello” mediante un’ “ecologia umana integrale” di noi stessi, del nostro corpo, della nostra mente che tradotto significa “ECO-LOGIA”, dandoci la possibilità di capire che dobbiamo comprendere il nostro valore, le nostre potenzialità, essere unici e magari amare quel “cappottino verde” che esce dai colori abituali di un capospalla, ma che ci rende unici e conoscibili tra mille cappotti dai soliti colori.

Stasera vi invito alla diretta Instagram alle ore 21 con l’autore di questo meraviglioso libro, Don Giulio Bellavite, il quale dopo aver lavorato in Santa Sede come officiale della Congregazione per i Vescovi, attualmente è il Segretario Generale della curia di Bergamo.

05/05/2021#FOOD

Oggi vi racconto dell’azienda familiare Bonanno fondata nel 1860 a Campobello di Mazara in provincia di Trapani e che conta oggi su un’estensione di 20.000 piante, molte delle quali sono esemplari plurisecolari.

L’azienda coltiva la “Nocellara del Belice” nella zona a Denominazione di Origine Controllata, ed è stata fra le prime ad ottenere la certificazione di origine protetta “Olive Nocellara del Belice DOP”.
La produzione agricola è il risultato della capacità di conciliare il rispetto per le antiche tradizioni con i più innovativi metodi di lavorazione, curando la coltivazione secondo i criteri naturali dell’agricoltura biologica, senza uso di fitofarmaci e concimi chimici.

Io ho una forte PASSIONE per l’olio perché è una grande risorsa ed eccellenza del nostro Belpaese e, peraltro, regalare una bottiglia di olio è sempre un cadeau molto chic. Questo meraviglioso prodotto è un olio dal fruttato intenso, con una nota distinta di amaro e piccante dal colore verde intenso tendente al dorato. Io l’ho assaggiato su una fetta di buon pane perché è la degustazione migliore per apprezzarne il sapore anche se chiaramente esalta il sapore di ogni cibo.
Ancora una volta mi accorgo di quanti tesori abbiamo e se siete curiosi di scoprire, visitate il sito www.bonannodomenico.com